Posts contrassegnato dai tag ‘REM’

“(Don’t Go Back To) Rockville” è stato il secondo e ultimo singolo pubblicato dai REM dal loro secondo album in studio “Reckoning”. La canzone è stata scritta da Mike Mills (accreditata a Berry / Buck / Mills / Stipe) come un appello alla sua fidanzata di allora, Ingrid Schorr, a non tornare a Rockville, Maryland, dove i suoi genitori vivevano. La Schorr, che in seguito divenne un giornalista, ha reso noto il suo divertimento per le inesattezze circa la sua relazione con Mills e la genesi della canzone che spesso appaiono nei libri sulla band. I 10,000 Maniacs hanno pubblicato questa cover del brano come B-side del loro singolo del 1992 “Candy Everybody Wants”.

“(Don’t Go Back To) Rockville” was the second and final single released by R.E.M from their second studio album “Reckoning”. The song was written by Mike Mills (credited to Berry/Buck/Mills/Stipe) as a plea to his then girlfriend, Ingrid Schorr, not to return to Rockville, Maryland, where her parents lived. Schorr, who later became a journalist, has written about her amusement with the factual inaccuracies about her relationship with Mills and the background of the song that often appear in books about the band. 10000 Maniacs released this cover of the song as a B-side to their 1992 single “Candy Everybody Wants.”

Annunci

Kate Pierson è una delle due voci femminili del gruppo new wave statunitense B-52s (precedentemente chiamato B52’s) fondato nel 1976 ad Athens, in Georgia, cioè nella medesima città che qualche anno più tardi vide la nascita dei REM. La sonorità tipica del gruppo si basa proprio sul mix di voci femminili e maschili, con l’impiego frequente della tecnica del “botta e risposta”  che è diventato una sorta di marchio di fabbrica della band, e che ritroviamo anche in Shiny Happy People, brano del 1991 appartenente all’album dei REM “Out of Time”

Joseph Arthur è un musicista, pittore e scrittore statunitense, ed è noto per le sue performance in cui campiona in tempo reale loop della sua voce e dei suoi strumenti cosicché la musica risuoni come un’armonia di una band di più elementi, laddove in realtà la maggior parte delle sue esibizioni lo vedono in solitaria sul palco. Nel 2004 Peter Buck, impressionato dalla sua esibizione a Seattle, lo invita ad aprire concerti del tour mondiale dei R.E.M. in Canada e Stati Uniti. Rilevante il sodalizio con la band statunitense ed in particolare col cantante Michael Stipe, il quale realizza un EP contenente 6 differenti versioni del pezzo In the Sun di Joseph per la raccolta fondi per il disastro dell’ uragano Katrina. Una di queste versioni è proprio il duetto registrato in studio tra Stipe e Martin.

 

Questo è il brano di apertura di “I’m Your Man”, settimo album in studio dell’artista canadese datato 1988. Il testo è una fantasia inquietante di malaugurio del successo commerciale, e per ironia della sorte sono proprio i REM che ne hanno fatto la cover più famosa, registrandola come b-side in un’edizione speciale del singolo “Drive” nel 1992. Il brano è entrato poi nella tracklist del film “Leonard Cohen: I’m Your Man” del 2006

Dal concerto di Washington del “Vote for change tour” tenutosi negli USA tra settembre ed ottobre del 2004

Editors – Orange Crush (REM)

Pubblicato: 4 settembre 2011 in Covers, Studio
Tag:,

Gli Editors, uno dei più popolari gruppi rock britannici della nuova generazione, reinterpreta il successo dei REM datato 1989. Da notare l’intro al pianoforte non presente nel brano originale

Da notare l’intensità con cui Thom Yorke canta, alla fine del pezzo, la parte destinata a Patti Smith nella versione da studio. Stipe lo guarda come se avesse di fronte un invasato dopodichè, alla fine del brano, lo abbraccia e bacia