Posts contrassegnato dai tag ‘Belle and Sebastian’

Dal sodalizio tra l’ex-Belle and Sebastian Isobel Campbell e l’ex-Screaming Trees Mark Lanegan sono nati tre dischi: “Ballads of the broken sea” del 2006, seguito da “Sunday at the devil dirt” due anni più tardi e “Hawk” del 2010 da cui è tratto questo brano. La collaborazione continua a dare buoni frutti giocando sulle opposte peculiarità dei due protagonisti, la vocalità angelica dell’inglesina e quella tenebrosa del songwriter americano. Le dinamiche vocali del duo ormai sono più che sperimentate e viaggiano in sicurezza con un feeling invidiabile, sia che si tratti delle asperità rock-blues proprie di Lanegan (gli Screaming Trees sono riconducibili al fenomeno “grunge”) sia in ballate più tipiche del repertorio dei Belle and Sebastian

Annunci

Questo è l’unico brano dell’album di duetti della cantante statunitense “featuring Norah Jones” ad essere stato già inserito in un disco precedente, e precisamente in “Write about love” dei Belle and Sebastian, uscito il 12 ottobre 2010, un mese prima di quello della Jones

A dispetto del nome i Canadians sono 5 ragazzi di Verona che nel 2006 salgono alla ribalta grazie all’Heineken Jammin’ Festival Contest, che vincono e che gli consente di registrare il loro primo album, “A Sky with no stars” . Successivamente, nel settembre dello stesso anno, è la prima band Italiana a comparire sulle pagine della rivista NME, e poco tempo dopo, partecipano con successo al programma Americano “Project My World”  che li vede trionfare sul popolo di MySpace. Nel novembre del 2007, il loro album diventa uno dei più trasmessi sulle radio Americane, e, nel dicembre dello stesso anno, vengono nominati “Best New Artist 2007″ da MTV. Negli anni Ep e tour (America, Olanda, Regno Unito..) non mancano, ma solo nel 2010 torna un nuovo album della band veneta:” The Fall of 1960″.

Dietro lo pseudonimo “The Niro” si nasconde l’italianissimo Davide Combusti, nato a Roma nel 1978. Questo brano appartiene alla compilation del 2007 “A century of covers”, tributo alla band scozzese. Nello stesso anno il cantante capitolino è scelto da Chris Hufford, manager dei Radiohead, per cantare nel progetto Anti Atlas, prodotto insieme a Ned Bigham. Nel 2008, invece, collabora all’album”Il Dono-tributo ai Diaframma”, con le interpretazioni di “Amsterdam” e “Io amo lei”.

Altra cover di una canzone tratta dall’album “The Queen is dead” del 1986, da molti considerato il miglior prodotto della band di Manchester

Isobel Campbell ha fatto parte dei Belle and Sebastian dal momento della loro formazione a Glasgow nel 1996, fino al 2002, quando ha lasciato il gruppo. Nella band ricopriva il ruolo di violoncellista e di voce di supporto, ideale per il suo timbro vocale alto ed etereo. Ha comunque ricoperto saltuariamente il ruolo di prima voce in alcune canzoni del gruppo. Questa versione è molto simile a quella di Nancy Sinatra facente parte della colonna sonora del film del 2003 “Kill Bill vol.1″ di Quentin Tarantino

Whiskey in the jar è una canzone tradizionale irlandese che parla di un bandito tradito dalla propria donna. È una delle canzoni tradizionali irlandesi più eseguite ed è stata incisa tra gli altri da U2, The Dubliners, Pulp, The Pogues, Metallica, Modena City Ramblers, Simple Minds, Grateful Dead. La versione più famosa è quella in chiave rock dagli irlandesi “Thin Lizzy” all’inizio degli anni settanta