Archivio per la categoria ‘Live’

Questo brano, pubblicato nell’ottobre del 1971, precede l’uscita del primo album della PFM, “Storia di un minuto”. Ian Scott Anderson (Dunfermline, 10 agosto 1947) è un polistrumentista, compositore e cantante britannico, flautista, voce e leader del gruppo rock progressivo Jethro Tull. E’ diventato famoso anche per la tendenza a suonare il flauto stando su una gamba sola.

This song, published in October 1971, precedes the release of the first album of PFM, “Storia di un minuto.” Ian Scott Anderson (Dunfermline, August 10, 1947) is a multi-instrumentalist, composer and British singer, flute player, voice and leader of the progressive rock band Jethro Tull. He became famous also for the tendency to stand on one leg while playing the flute.

Annunci

“Imagine” viene spesso citato come uno dei brani più belli della storia della musica. Fu pubblicato prima sull’album omonimo e successivamente come singolo negli Stati Uniti (11 ottobre 1971) assieme a” It’s So Hard”. Successivamente nel 1975 il brano fu ripubblicato come singolo nel Regno Unito (il lato B in questo caso era “Working Class Hero”). Il testo viene solitamente considerato pacifista, ma Lennon affermò che il brano era principalmente “anti-religioso, anti-nazionalista, anti-convenzionale e anti-capitalista, e viene accettato solo perché è coperto di zucchero”. Yoko Ono disse che il messaggio di Imagine poteva essere sintetizzato dichiarando che “siamo tutti un solo mondo, un solo paese, un solo popolo”.

“Imagine” is often cited as one of the best songs of music history. It was first published on the album of the same name and later as a single in the US (October 11, 1971) along with “It’s So Hard”. Later (in 1975), the song was re-released as a single in the United Kingdom (the B side in this case was “Working Class Hero”). The text is usually considered pacifist, but Lennon said that the song was mainly “anti-religious, anti-nationalist, anti-conventional and anti-capitalist, and is accepted only because it is sugarcoated”. Yoko Ono said that the message of Imagine could be summarized by stating that “we are all one world, one country, one people.”

Gli Electronic sono stati un supergruppo formato dal cantante e chitarrista dei New Order Bernard Sumner e l’ex chitarrista degli Smiths Jonny Marr. Essi scrissero la maggior parte dei brani tra il 1989 e il 1998, collaborando con Neil Tennant e Chris Lowe dei Pet Shop Boys su tre tracce nei primi anni (compresa “Getting Away With It), e con l’ex membro dei Kraftwerk Karl Bartos in 9 canzoni nel 1995

Electronic was an alternative dance supergroup formed by New Order singer and guitarist Bernard Sumner and ex-Smiths guitarist Johnny Marr. They co-wrote the majority of their output between 1989 and 1998, collaborating with Neil Tennant and Chris Lowe, of the Pet Shop Boys , on three tracks in their early years (including “Getting Away With It), and former Kraftwerk member Karl Bartos on nine songs in 1995.

“Any Way You Want It” è un brano dei “The Dave Clark Five” tratto dall’album “Coast to Coast” (1964). Raggiunse le posizioni N.25 e N.14 rispettivamente nelle classifiche inglesi e americane. La canzone è stata ripresa dai Kiss e inserita tra i brani da studio del loro secondo album live, “Alive II” (1977). Il brano è stato interpretato anche dai Ramones in duetto con Eddie Vedder dei Pearl Jam, e potete vedere la performance su questo blog. Questa versione può essere trovata sull’ultimo album live della band “We’re Outta Here!” (1997) mentre la versione da studio compare come bonus track su “Greatest Hits Live”. Tom Petty and the Heartbreakers hanno incluso una cover del brano sul terzo disco del loro box set celebrativo “The Live Antology” (2009)

“Any Way You Want It” is a single by The Dave Clark Five from the US album Coast to Coast (1964). It reached number #25 in the UK and #14 in the US. The song was covered by Kiss on the studio side of their second live album, “Alive II”  (1977). It was also performed by the Ramones  featuring Eddie Vedder of Pearl Jam as a guest vocalist, and you can see the performance on this blog . This version can be found on the band’s last live album “We’re Outta Here!” (1997), while the studio version appears as a bonus track on “Greatest Hits Live” (1996). Tom Petty and the Heartbreakers included a cover of the song on their career-spanning box set, “The Live Anthology” (2009), appearing on Disc 3 of 4.

Pearl Jam – Rain (The Beatles)

Pubblicato: 19 luglio 2014 in Covers, Live
Tag:,

Brano live tratto dal festival del 2012 all’isola di Wight. “Rain” è una canzone incisa nel giugno 1966 come B-side di “Paperback Writer”. Entrambi i brani sono stati registrati durante le session per l’album Revolver ma nessuna delle due compare in quel disco. Rain è stata inserita successivamente nelle compilation “Hey Jude” negli USA e “Rarities” nel regno unito. Ha fatto parte anche del CD “Past Masters”

Live track from Isle of Wight 2012 festival. “Rain” is a song first released in June 1966 as the B-side of “Paperback Writer” single. Both songs were recorded during the sessions for the album Revolver though neither appears on that album.  It later appeared on the compilations “Hey Jude”  in the US and “Rarities” in the UK. It also appeared on the “Past Masters”  CD

“I Say a Little Prayer” è un brano scritto da Burt Bacharach e Hal David per Dionne Warwick che raggiunse il quarto posto nella classifica della Billboard relativa ai singoli pop nel dicembre 1987. La canzone ritornò nella top ten nell’autunno del 1968 grazie alla versione di Aretha Franklin contenuta nell’album “Aretha Now”. Nel febbraio 1987 la rivista musicale inglese “New Musical Express” pubblicò la classifica dei 150 brani migliori di tutti i tempi inserendo la versione della Franklin di I Say a Little Prayer alla posizione N.1

“I Say a Little Prayer” is a song written by Burt Bacharach and Hal David for Dionne Warwick, originally peaking at number four on the U.S. Billboard Hot 100 pop singles chart in December 1967. The song also returned to the Pop & R&B Top Ten in the fall of 1968 via a recording by Aretha Franklin taken from her 1968 “Aretha Now” album.  In February 1987 UK music weekly “New Musical Express” published its critics’ top 150 singles of all time, with Franklin’s “I Say a Little Prayer” ranked at No. 1

Dente – Vendo casa (Battisti)

Pubblicato: 13 maggio 2014 in Covers, Live
Tag:,

Questo brano fu scritto da Lucio Battisti per i Dik Dik nel 1971 e pubblicato per la prima volta dall’autore nella compilation del 2004 “Le avventure di Lucio Battisti e Mogol”

This song was written by Lucio Battisti for The Dik Dik in 1971 and published for the first time by the author in the 2004 compilation “Le avventure di Lucio Battisti e Mogol”