Archivio per la categoria ‘Duets’

“The Crane Wife” è un album dei The Decemberists, uscito nel 2006. E’ il primo album della band per l’etichetta Capitol Records. L’album è stato ispirato da un racconto popolare giapponese. “The Crane Wife 3” è stata reinterpretata da Marianne Faithfull nel suo album “Easy Come, Easy Go”. Il brano è stato cantato dal vivo al Late Show di David Letterman il 31 marzo 2009 e in seguito al Later Live, presentato da Jools Holland,  il 14 aprile 2009, sul canale televisivo britannico BBC2. “The Crane Wife 3” è entrata nella colonna sonora dell’episodio dei Scrubs, “My Friend with Money”

“The Crane Wife”is an album by The Decemberists, released in 2006. It is the band’s first album on the Capitol Records label. The album was inspired by a Japanese folk tale. “The Crane Wife 3” was covered by  Marianne Faithfull on her album “Easy Come, Easy Go”. She performed it live when she appeared on the Late Show with David Letterman on March 31, 2009, and on Later Live, presented by Jools Holland, transmitted on April 14, 2009, on the British BBC2 TV channel. “The Crane Wife 3” was featured in the Scrubs episode, “My Friend with Money”

Annunci

“Fairytale of New York” è un brano natalizio composto dal gruppo Irlandese The Pogues, inciso nel 1987 insieme alla cantante inglese Kirsty MacColl. La canzone è una classica ballata irlandese, lenta all’inizio e successivamente più ritmata, ed appartiene all’album dei Pogues “If I Should Fall From Grace with God”. E’ stata citata come migliore canzone natalizia di tutti i tempi in numerosi sondaggi di televisioni, radio e riviste inglesi e irlandesi

“Fairytale of New York” is a Christmas song by the Irish group The Pogues, released in 1987 and featuring English singer Kirsty MacColl. The song is an Irish folk style ballad, slow at the beginning and then more rhythmic, and featured on The Pogues’ album “If I Should Fall From Grace with God”. It has been cited as the best Christmas song of all time in various television, radio and magazine polls in the UK and Ireland.

“Heaven Can Wait” è il primo singolo di Charlotte Gainsbourg dal suo album IRM del 2009. Il brano è caratterizzato dalla presenza di Beck, che ha scritto la canzone e prodotto IRM, come seconda voce. Tutti i brani dell’album sono stati scritti da Beck, tranne “Le Chat Du Café des Artistes” (scritto da Jean-Pierre Ferland)

“Heaven Can Wait” is the first single by Charlotte Gainsbourg from her album IRM (2009). The song prominently features Beck, who wrote the song and produced IRM, on backing vocals. All songs of the album were written by Beck except “Le Chat Du Café Des Artistes” (written by Jean-Pierre Ferland)

AA. VV. – Perfect day (Lou Reed)

Pubblicato: 27 ottobre 2013 in Covers, Duets, Studio
Tag:,

Perfect Day è uno dei brani di maggior successo di Lou Reed e fu pubblicato per la prima volta nell’album “Transformer” del 1972 prodotto da David Bowie. Nel 1997 la canzone fu scelta dalla BBC per un singolo in favore dell’UNICEF che fu trasmesso alla radio e nei cinema e che comprendeva Lou Reed stesso e altri artisti maggiori che cantavano il brano spartendosi le strofe del testo. Parteciparono all’incisione, tra gli altri, Bono, Elton John, David Bowie, Suzanne Vega, Brett Anderson degli Suede, Shane MacGowan dei Pogues, Evan Dando dei Lemonheads. Il brano raggiunse la posizione N.1 della classifica britannica

Perfect Day is one of the most successful songs of Lou Reed and was published for the first time in the album “Transformer” in 1972 produced by David Bowie. In 1997, the song was chosen by the BBC for a single for UNICEF that was broadcast on the radio and in cinemas and which included Lou Reed himself and other major artists who sang the different verses of the text. Partecipated in the recording, among others, Bono, Elton John, David Bowie, Suzanne Vega, Brett Anderson of Suede, Shane MacGowan of the Pogues, Evan Dando of the Lemonheads. The song reached the first position in the UK charts

“This is Not America” è un brano interpretato dalla jazz/fusion band Pat Metheny Group insieme a David Bowie, ed appartiene alla colonna sonora del film “Il gioco del falco”. La parte strumentale, scritta da Metheny e Lyle Mays, è essa stessa una canzone chiamata “Chris” e fu inclusa anch’essa nella colonna sonora del film

“This is Not America” is a song by jazz fusion band Pat Metheny Group and rock singer David Bowie, taken from the soundtrack for the film “The Falcon and the Snowman”.The instrumental, written by Metheny and Lyle Mays, is itself a song called “Chris” and was also included on the soundtrack for the film 

Per il suo album di collaborazioni “Wrote a song for everyone”, John Fogerty si è unito ai Foo Fighters nel loro studio di Los Angeles per registrare l’inno anti-guerra dei Creedence Clearwater Revival datato 1969. Per la spiegazione del significato del brano guardate gli altri post su questo sito

For his collaboration album “Wrote a song for everyone”, John Foherty joined the Foo Fighters in their Los Angeles studio to record Creedence Clearwater Revival’s 1969 anti-war anthem “Fortunate Son.” For the explanation of the song’s meaning please see other posts on this site

Bitter Sweet Symphony è una canzone dell’alternative rock band inglese The Verve, ed è la traccia principale del loro terzo album, “Urban Hymns”. Si basa su una  versione orchestrale di Andrew Loog Oldham del brano dei Rolling Stones “The Last Time” ed è stata coinvolta in controversie legali in relazione ad accuse di plagio: ora, anche se il testo della canzone è stato scritto dal cantante dei Verve Richard Ashcroft, il brano è stato accreditato a Keith Richards e Mick Jagger. Bitter Sweet Symphony è uscito il 16 giugno 1997 come primo singolo estratto dall’album, raggiungendo il numero due della UK Singles Chart. Il video musicale della canzone, a lungo in Heavy Rotation su MTV, si concentra su Ashcroft che canta il testo mentre cammina per una strada trafficata di Londra, ignaro di ciò che sta accadendo intorno e rifiutando di cambiare il passo o la direzione. Ai Brit Awards 1998, questa canzone è stata nominata come miglior singolo britannico, e ai 1998 MTV Video Music Awards è stata nominata per il video dell’anno, miglior video di una Band e miglior video alternativo. Nel 1999, la canzone è stata nominata per i Grammy Awards come Migliore Canzone Rock. Considerata come canzone-simbolo della band e uno dei brani che definiscono l’era Britpop, Bitter Sweet Symphony è entrata in molti sondaggi come una delle canzoni più belle di sempre

Bitter Sweet Symphony is a song by English alternative rock band The Verve, and is the lead track on their third album, “Urban Hymns”. It is based on an Andrew Loog Oldham orchestral version of the Rolling Stones’ song “The Last Time” and involved some legal controversy surrounding plagiarism charges: now, although the song’s lyrics were written by Verve vocalist Richard Ashcroft, the song has been credited to Keith Richards and Mick Jagger. Bitter Sweet Symphony was released on 16 June 1997 as the first single from the album, reaching number two on the UK Singles Chart. The song’s music video, which received heavy rotation on MTV, focuses on  Ashcroft lip-synching the song while walking down a busy London street, oblivious to what is going on around and refusing to change his stride or direction throughout. At the 1998 Brit Awards, this song was nominated for best British Single, and at the 1998 MTV Video Music Awards the song was nominated for Video of the Year, Best Group Video and Best Alternative Video. In 1999, the song was nominated for the Grammy Awards for Best Rock Song. Regarded as the band’s signature song and one of the defining tracks of the Britpop era, Bitter Sweet Symphony has featured in best ever song polls